reiboot

Abbiamo parlato in un articolo alcuni giorni fa dei punti di forza di Apple e delle cose che hanno cambiato il concetto di tecnologia in quanto ha reso gli aggiornamenti di sistema gratuiti - vedi questo link-. Apple ha inventato qualcosa chiamato account di abbonamento. Il nostro precedente articolo non ha spiegato in dettaglio cos'è questo account e perché Apple ci ha pensato in primo luogo? Allora cosa è successo e ha spinto Apple a fare ciò che non conosceva in quel momento? È la storia del vecchio aggiornamento 802.11n.

Qual è la storia dell'incidente 802.11n che ha spinto Apple a rendere gratuiti gli aggiornamenti per iPhone?

La storia è iniziata nel 2006, quando Apple ha rilasciato i computer Mac e includeva un chip di connessione avanzato. A quel tempo lo standard era 802.11b / g, ma Apple ha segretamente aggiunto l'ultimo chip, che supporta anche 802.11n, ma non ha annunciato la questione. Perché! Semplicemente perché gli standard per l'uso e la gestione di N non sono stati ancora completati e concordati, ma ciò è accaduto diversi mesi dopo, questi standard sono stati emanati, ed ecco la sorpresa di Apple.

Apple ha rivelato che gli ultimi dispositivi Mac supportano già questo nuovo standard e la propria velocità, ma questo non è gratuito. A quel tempo, Apple vendeva dispositivi a un prezzo non piccolo, poiché il prezzo del MacBook Pro 15, ad esempio, parte da $ 2000 e il 17 pollici parte da $ 2800, e persino il MacBook più economico con un 13- schermo in pollici utilizzato per iniziare a $ 1100. A quel tempo, Apple decise che chiunque volesse i vantaggi N avrebbe dovuto pagare $ 5 in contanti.

L'importo era molto piccolo per tutti gli standard fino ai nostri tempi, quindi paghi diverse migliaia di dollari in dispositivi Mac e Apple in generale, il che significa che chiedi di pagare 5 dollari non è un grosso problema, ma c'è stato un attacco violento su Apple e un accusa a titolo definitivo di avidità da parte dei giornalisti e dei suoi utenti, poiché hanno affermato che l'azienda ottiene 2000 dollari per il dispositivo, quindi chiedi loro di pagare altri 5 per attivare la loro funzione! Inizialmente, come al solito, Apple ha resistito e ha detto che l'attivazione della funzione richiede il lavoro dei dipendenti, quindi è separata dall'attuale sistema operativo, ma dopo un po ', Steve Jobs ha iniziato a fare marcia indietro e ha deciso di ridurre il costo per diventare solo $ 2 invece di $ 5 per funzionare come 802.11n invece di 802.11g.

Nel frattempo, Apple aveva iniziato l'era dell'iPhone "non era stato rilasciato" ed ecco l'opinione di Steve Jobs e dei leader di Apple che uno dei difetti di concorrenti come Blackberry, Palm, Microsoft e altri è che queste aziende fanno il nuovo sistema operativo esclusivo per il nuovo dispositivo. E hanno pensato che se Apple avesse fornito aggiornamenti all'iPhone, sarebbe stato un vantaggio fatale per i concorrenti. Ma aggiornare un vecchio dispositivo significa che un team sarà dedicato allo sviluppo di esso, e quindi deve essere rilasciato a un prezzo. Ma l'attuale attacco "all'epoca" a causa dell'802.11n ha insegnato loro che nessuno avrebbe acquistato un iPhone, e quindi ha chiesto che pagasse un abbonamento annuale, anche se piccolo, in cambio di aggiornamenti. Tranne che Peter Oppenheimer ha escogitato la soluzione magica.

Peter Oppenheimer è il chief financial officer di Apple che si è occupato dei fondi e dei conti della mela tra il 1996 e il 2014. Peter ha detto all'epoca che la soluzione sarebbe stata come fanno riviste e giornali, dove fanno pagare un abbonamento annuale, ma lo inseriscono in i conti su base mensile perché se lo accedono subito dopo il pagamento dell'abbonamento, questo significa che nel mese degli abbonamenti e del loro rinnovo, l'istituto avrà forti ritorni finanziari, ma per tutto l'anno non ci sarà alcun ritorno. Piuttosto, se un cliente desidera annullare un abbonamento e rimborsare il periodo rimanente, questo verrà inserito come perdita. Ma se il ritorno arriva e viene diviso mensilmente, sarà meglio.

Così Peter ha deciso di applicarlo all'iPhone. Apple otterrà ora il prezzo del telefono, ma il prezzo intero non verrà inserito immediatamente nei rapporti, ma una parte del prezzo verrà divisa nei 24 mesi successivi all'acquisto. Supponiamo, ad esempio, che il prezzo dell'iPhone sia $ 720 (questo è solo un esempio illustrativo). Apple calcola nel report finanziario che ha raggiunto $ 600, ad esempio, e quindi divide i restanti $ 120 per 24 mesi, come se il cliente paga $ 5 al mese per un abbonamento. Questo abbonamento copre i costi degli aggiornamenti per due anni. Cioè, per due anni, ricevi aggiornamenti per il tuo telefono, non un favore da Apple, ma perché stai già pagando questo aggiornamento tramite il metodo di abbonamento. Il prezzo dell'iPhone nel nostro esempio è di $ 600, ma hai pagato $ 720 perché questi 120 aggiuntivi sono per una garanzia di aggiornamenti per due anni in futuro.

Inizialmente, gli azionisti di Apple hanno respinto questa idea e hanno affermato che porterebbe alle vendite in corso, ma non appariranno completamente nel rapporto del trimestre finanziario, e quindi questi rapporti non esprimeranno l'effettiva dimensione della vendita. Ma Steve Jobs e il suo assistente Peter Oppenheimer hanno insistito su questo metodo, ed è stato ed è diventato uno dei vantaggi killer dell'iPhone è che riceve aggiornamenti regolari mentre i suoi concorrenti possono o meno essere aggiornati. Poiché il concorrente costa semplicemente denaro per aggiornare il dispositivo, molto spesso aggiorna solo dispositivi costosi perché ne ricava molto da loro, quindi può sostenere il costo dell'aggiornamento, mentre i dispositivi di fascia bassa potrebbero non vederne aggiornamento finale; Mentre Apple non costa nulla con gli aggiornamenti, ma piuttosto ottiene i soldi "con l'abbonamento" menzionato.

Ovviamente, il metodo degli account Apple si è evoluto nel tempo, ma vi raccontiamo la vecchia storia accaduta nel 2007 e come è iniziata.

Sapevi qualcosa sulla crisi 802.11n verificatasi con Apple? Cosa ne pensate della filosofia di calcolo del contributo dell'azienda?

Fonte:

AI

Articoli correlati