reiboot

Margrethe Vestager, vicepresidente della Commissione europea, ha messo in guardia Apple dall'usare la protezione della privacy e della sicurezza degli utenti come scusa per eliminare concorrenza, monopolio e violazione delle leggi. Questo avvertimento arriva dopo uno scambio di dichiarazioni e dichiarazioni tra Apple e la Commissione europea. Allora, qual è la storia e cosa vuole l'Europa da Apple?

L'Europa mette in guardia Apple dall'usare la privacy come scusa per monopolizzare


Prima dell'inizio del conflitto

Il conflitto tra Apple e l'Unione Europea è iniziato con una serie di casi lanciati da importanti aziende contro Apple, come Spotify, Epic e altri; Questi casi hanno coinciso con la scoperta dell'Unione Europea che le società tecnologiche, in particolare Apple, eludono le leggi europee e pagano poche tasse, il che ha spinto l'Europa a muoversi contro le società tecnologiche, quindi Apple è stata multata per accordi fiscali in diversi paesi; Il presidente francese ha anche proposto di imporre tasse alle principali società tecnologiche (Apple, Google, Microsoft, Amazon, Facebook), ma le minacce dell'ex presidente degli Stati Uniti Trump alla Francia hanno fatto marcia indietro dall'attuazione di questa legge.

Allo stesso tempo, sono state avviate indagini sulla privacy europee e GDPR Legge E ha iniziato ad entrare in vigore dalla metà del 2018, poi Google è stato multato più volte per privacy, raccolta dati e monopolio, in quanto Google è stato considerato un monopolio perché costringe le aziende che vogliono utilizzare Android a scaricare le loro applicazioni come YouTube, Chrome, Google Maps e altri. Le multe totali imposte a Google ammontano a $ 9 miliardi a partire da settembre 2020. Ora è il turno di Apple.


La lotta con Apple

Nel caso di Apple Qualcomm, l'Unione Europea ha scoperto che Qualcomm aveva indebolito il suo concorrente "Intel" stipulando contratti con varie società per privare Intel di qualsiasi cliente.Infatti, nel gennaio 2018, è stata emessa una decisione che prevedeva una multa di 1.2 miliardi di dollari a Qualcomm. E qui l'Unione Europea ha iniziato a puntare su aziende che indirettamente stanno uccidendo i concorrenti. E ora Apple è il principale colpevole.

La Commissione Europea considera Apple un monopolio su iPhone e iPad e nessuno ha il diritto di scaricare alcuna applicazione su questi dispositivi senza l'approvazione di Apple; Alcuni rapporti hanno descritto questo comportamento come Apple che schiavizza gli utenti iOS/iPadOS ed esercita un ruolo autoritario su di loro, decidendo per loro cosa scaricare e cosa non gli si addice, e nessuno ha il diritto di violarlo. L'Unione Europea considera questa pratica monopolistica: è diritto dell'utente che ha acquistato il dispositivo di scaricare qualsiasi applicazione desideri e non qualsiasi applicazione Apple che desideri; La proprietà del dispositivo è passata a lui e non è più di proprietà di Apple per decidere su cosa caricarlo. Quindi la legge DMA è entrata in vigore nel 2020.


DMA انون Legge

Quando trovi un'azienda in violazione, puoi emettere una multa direttamente ad essa, come è successo con Google e Qualcomm. Ma quando vedi un comportamento improprio che si verifica da un'azienda, non puoi dire che questa è una legge per impedire tale o quell'azienda da questo comportamento. Le leggi devono essere generali e non emesse a una società specifica. Pertanto, Margrethe Vestager, vicepresidente della Commissione europea, ha proposto l'Electronic Markets Act, o quello che è noto come DMA, alla fine del 2020, e con esso diverse altre leggi come l'Electronic Services Act (DSA) e altre.

Questa legge afferma diverse cose, la più importante delle quali è che nessuna azienda ha il diritto di obbligare un utente a utilizzare qualsiasi applicazione; Ad esempio, quando acquisti un telefono Samsung, trovi il browser Samsung installato per impostazione predefinita; Questa è una violazione del monopolio, quindi perché mettere il tuo browser? Lo stesso vale per Apple, in quanto non ha il diritto di preinstallare i suoi programmi sui dispositivi. Ancora più importante è che Apple, Google e qualsiasi azienda non hanno il diritto di monopolizzare il diritto di scaricare applicazioni. L'utente non è custode e ha il diritto, purché abbia acquistato il dispositivo, di scaricare qualsiasi applicazione da qualsiasi luogo.


In che modo il precaricamento delle app è un monopolio?

Uno dei problemi affrontati da qualsiasi azienda in qualsiasi campo è avere l'opportunità di sperimentare; Ad esempio, hai un nuovo ristorante che serve del buon cibo e vicino a te c'è un famoso ristorante; La qualità del tuo ristorante è superiore a quello famoso. Vuoi solo che un cliente provi il tuo ristorante. Ma alla fine sarai chiuso perché la maggioranza andrà automaticamente al famoso ristorante.

Questo accade sui telefoni; Immagina di essere una startup che vuole sviluppare un browser unico; Quando hai Safari o Chrome sul tuo telefono per impostazione predefinita, non penserai nemmeno di provare un altro browser. Chiediti quante volte hai utilizzato il browser Samsung o Xiaomi o forse anche Opera. Quindi la legge vuole che tu abbia un dispositivo senza app; Naturalmente, andrai involontariamente al negozio e scaricherai i tuoi soliti programmi; Ma mentre lo cerchi, i tuoi occhi cadranno su altre applicazioni e potresti pensare di provarlo ... Ma se il tuo browser preferito è precaricato, non andrai al negozio per cercare i browser, il che ti porterà a non vedere l'altro browser e non avrà l'opportunità di provare.


Come ha risposto Apple all'Europa?

Apple ha rilasciato una dichiarazione due settimane fa attaccando la legge e considerando di consentire agli utenti di scaricare qualsiasi applicazione che desiderano da qualsiasi luogo; Apple ha affermato che il suo obiettivo è fornire un archivio sicuro per proteggere i dati e la privacy in cui l'utente possa scaricare qualsiasi applicazione in modo sicuro e senza preoccuparsi di nulla. Se l'azienda è costretta a fornire altri negozi, ciò mette a rischio l'utente e i suoi dati potrebbero essere rubati. Apple ha affermato che il download parallelo è pericoloso per tutti, anche se non si desidera scaricare app dall'esterno dell'App Store; Laddove Apple ha affermato che l'abilitazione del download parallelo aumenterà l'attività di tentativo di hackerare il sistema (Apple non ha spiegato come) e potrebbe ingannare l'utente.Apple ha fornito un esempio e ha affermato che l'utente potrebbe volere un'applicazione per il lavoro o la scuola, ma non è presente nell'Apple Store perché non rispetta gli standard; Qui scaricherà questa app da un altro negozio e si metterà a rischio. Inoltre, i negozi possono ingannare l'utente con un design simile a un negozio di software per indurlo a scaricare applicazioni.

In risposta al punto che il Mac offre il download di applicazioni dall'esterno dello Store senza problemi; Apple ha affermato che l'iPhone non è il Mac e che l'iPhone ha più utenti e dati più importanti, quindi l'interesse per l'hacking dell'iPhone è maggiore rispetto al Mac.

È stato riferito che i giornali europei hanno commentato il punto Mac dicendo che Apple ha eluso il commento.Se vede il download parallelo distruggere la privacy, questa è l'ammissione di Apple che il Mac è violato e insicuro; E se il Mac è sicuro con il download parallelo, perché non succede lo stesso su iPhone?


La risposta della Commissione Europea ad Apple

La Commissione ha commentato su Apple che sta sfruttando la privacy per ingannare i suoi utenti illudendoli che saranno sempre ingannati (imponendo la tutela), e Apple mira in questa materia a ottenere il diritto di impedire a qualsiasi concorrente di accedere al suo negozio con il pretesto che viola la privacy. Margaret ha affermato in dichiarazioni a Reuters che la privacy e la sicurezza sono importanti per tutti, ma Apple sostiene sempre che l'utente non lo sa e che i clienti rinunceranno alla privacy e alla sicurezza quando utilizzano un altro app store o il sideload. La Commissione ha invitato Apple a smettere di usare le preoccupazioni sulla privacy per giustificare un monopolio. Alla fine, non è solo Apple a sapere cosa siano la privacy e la sicurezza: se scarichi un'applicazione al di fuori di Apple, sei a rischio.

Vale la pena notare che la legge DMA, se approvata, non sarà attivata prima del 2023.

Cosa ne pensi del conflitto di Apple con la Commissione Europea? Siete d'accordo con l'Europa sul lasciare la libertà di scelta agli utenti o con Apple che dovrebbe proteggere i propri utenti dagli hacker? Condividi la tua opinione con noi nei commenti.

Risorse:

iclarificato |Bloomberg | Reuters | Apple | Reuters | La Verge

Articoli correlati