reiboot

Le cause successive sono intentate contro Apple nella sua lotta con sviluppatori e aziende che producono applicazioni. Abbiamo parlato degli ultimi sviluppi e della possibilità del loro impatto su Apple in -Questo articolo-. Ma ieri, venerdì, si è assistito a un nuovo sviluppo quando un giudice negli Stati Uniti ha ordinato l'allentamento delle restrizioni nell'App Store a un livello che potrebbe minacciare il reddito di Apple. Quali sono i dettagli?


Primi risultati del caso Epic e Fortnite

Sì. Questa sentenza fa parte del famoso caso in cui la società proprietaria del gioco Fortnite ha fatto causa ad Apple per opporsi al 30% richiesto da sviluppatori e grandi aziende.


Giudizio basato sulle regole della concorrenza leale

Il giudice ha stabilito che Apple stava violando le leggi sulla concorrenza leale della California impedendo agli sviluppatori di indirizzare gli utenti a metodi di pagamento diversi dall'App Store. Il giudice ha anche ordinato ad Apple di iniziare a consentire agli sviluppatori di inserire collegamenti a diversi metodi di pagamento nelle loro app entro 90 giorni.

Se ciò viene fatto, significherà che tutti gli sviluppatori saranno in grado di aggirare il pagamento in-app di Apple ed evitare di pagare eventuali commissioni aziendali.


Verdetto anche contro Epic

La sentenza non era solo contro Apple. Piuttosto, il giudice ha ammesso che Epic ha violato le regole contrattuali tra essa e Apple quando ha aggirato le regole dell'App Store per i pagamenti in-app lo scorso anno. Il giudice si è anche astenuto dal nominare Apple una società monopolistica nel mercato delle app.


La decisione non sarà attuata a breve

Si precisa che sebbene la sentenza sia stata emessa e che preveda un periodo di 90 giorni per consentire ad Apple di consentire agli sviluppatori, in realtà tale sentenza non verrà attuata perché nel caso in cui Apple presenti ricorso alla sentenza, la sua attuazione sarà sospeso fino alla decisione sull'opposizione di Apple. Quindi non aspettarti nessun cambiamento nel negozio presto


Vittoria parziale per entrambe le parti

Apple ha ora una sentenza del tribunale che afferma che non svolge attività monopolistiche nel mercato delle applicazioni e questo potrebbe tenerla lontana da molti problemi legali basati su questo. Ma d'altra parte, la decisione potrebbe minacciare gran parte delle entrate di Apple dall'App Store se non si appella e rimuove la parte che consente metodi di pagamento esterni.


Apple mantiene le regole dell'App Store e il 30%

La sentenza ha confermato le regole di Apple per impedire la presenza di altri negozi di applicazioni su iPhone e il diritto dell'azienda di raccogliere il 30% dei profitti degli sviluppatori senior sullo store purché lo sviluppatore abbia un'opzione aggiuntiva, ovvero quella di creare il proprio sistema di pagamento; Se usa Apple, deve pagare il 30% per questo.


Pensi che Apple possa perdere nella battaglia dei metodi di pagamento? Completerà il controllo sul proprio negozio di software? Condividi la tua opinione

Fonte:

NYTimes

Articoli correlati