reiboot

Probabilmente non finirà scandali di FacebookSento ora che è uno dei capi del male nel mondo rappresentato da Mark Zuckerberg, il suo presidente, e tra i nuovi scandali c'è l'uscita di uno dei manager di Facebook per esporre le cattive pratiche dell'azienda in diversi settori, in particolare i contenuti gestione, che porta a cattivi risultati e favorisce soprattutto gli interessi finanziari dell'azienda, Tra queste pratiche c'è il trascurare o gestire in modo errato i nostri contenuti nel mondo arabo.

Facebook trascura la gestione dei contenuti nel mondo arabo


Perché abbiamo bisogno della gestione dei contenuti?

Facebook trascura la gestione dei contenuti nel mondo arabo

La maggior parte delle volte, le grandi aziende devono gestire i propri contenuti per adattarsi al conto. La piattaforma non dovrebbe aumentare l'interazione con i post che incitano alla violenza, al razzismo, ecc. Quindi le aziende gestiscono i contenuti posizionando monitor umani e anche intelligenza artificiale e quest'ultima sopporta la maggior parte della gestione poiché gli umani da soli non possono monitorare milioni di post. E quando l'intelligenza artificiale trova un post sbagliato e lo elimina, gli umani a volte lo controllano per verificare che non abbia commesso un errore.


qual è il problema?

Facebook è ormai presente in molti paesi del mondo, e in molti paesi non ci sono servizi Internet diffusi, ma c'è un Facebook gratuito attraverso accordi con società di telecomunicazioni. Per alcuni residenti di questi paesi, il significato di Internet è Facebook, ma l'azienda non gestisce i contenuti allo stesso modo in tutti i mercati in cui si trova, quindi trovi la gestione dei contenuti in inglese e in Nord America migliore per gradi rispetto a gestire i contenuti nella regione araba, poi trovi paesi africani e asiatici che sono quasi inesistenti Gestire i contenuti in un modo che incide negativamente sulla società e porta persino a crimini attraverso la piattaforma, che vanno da piccoli problemi a crimini importanti come la tratta di esseri umani.


L'azienda vuole interagire

La piattaforma Facebook preferisce i post con un'elevata interazione e li distribuisce a molte persone per guadagnare di più, ma il problema con questo tipo di post è che la maggiore interazione sono i post che contengono opinioni gay, risse o qualcosa di polarizzante come le battaglie politiche . Con questo la piattaforma è uscita dal suo ruolo primario di mezzo di comunicazione tra famiglia e amici in uno spazio aperto per i litigi e lo sviluppo di idee anormali o sbagliate.Solo se ottiene molta interazione, negativa o positiva, lo fa nessun problema. Se commenti un post in accordo o in disaccordo con esso, questa è considerata un'interazione e porta a raggiungere più persone.


spendere poco

Facebook vuole essere presente in tutti i paesi del mondo ma non vuole spendere per migliorare il monitoraggio dei contenuti ovunque, soprattutto nei mercati che non generano profitti paralleli a quelli dei paesi più ricchi e dove anche i governi non si preoccupano degli sforzi di Facebook per monitorare i contenuti bene. Ci sono persino governi che ne approfittano, come sta accadendo in Myanmar e utilizzano la piattaforma Facebook per prendere di mira i musulmani.


Il problema con la lingua araba

Tra i tanti problemi delle politiche preferenziali di Facebook, è emerso principalmente il problema della lingua araba: gli utenti della regione araba trascorrono più tempo su Facebook rispetto a qualsiasi altra regione geografica, ma con questo l'azienda non investe ancora bene nella lingua araba e gestire il contenuto scritto in esso. Quindi capita sempre che i post vengano cancellati o che i loro proprietari siano accusati di incitare all'incitamento all'odio o simili solo perché l'intelligenza artificiale ha frainteso il linguaggio. In effetti, a volte vengono posti degli avvertimenti sulle immagini di un libro di ricordi, per esempio. A parte il sistema di intelligenza artificiale, anche il sistema umano non è buono, poiché la maggior parte dei gestori di contenuti di Facebook nel mondo arabo sono concentrati solo a Casablanca - Marocco e gestiscono contenuti per tutta la regione, compresi i diversi dialetti, quindi è naturale che si verifichino molti errori, e sebbene questi dipendenti sostengano di conoscere tutti i dialetti arabi, hanno erroneamente contrassegnato il 77% dei post che hanno trovato "terroristi".

Ciò è stato evidenziato nella recente crisi, quando qualsiasi volantino che parlava dello stato di occupazione sionista in arabo è stato contrassegnato come un volantino che chiedeva violenza o terrorismo, ecc. È stata seguita da un'ondata di cause legali per valutare Facebook sui negozi di software con una stella.


Tre classi di paesi

Nei documenti trapelati, è emerso che Facebook classifica i paesi in tre categorie in termini di protezione elettronica contro informazioni e notizie false, soprattutto in tempi di elezioni e cambiamenti politici. La più alta di queste categorie è "Categoria Zero", che include India, Stati Uniti e Brasile, e questa categoria è preparata per grandi squadre che sono come stanze di guerra per affrontare disinformazione e pubblicazioni che violano le regole della piattaforma. Poi viene la “Categoria 1”, che include Germania, Indonesia, Stato di occupazione sionista, Iran e Italia, e questi paesi hanno stanze simili alla Categoria 0 con meno gestione durante tutto l'anno, e poi vengono le Categorie 2 e 3, che sono le paesi con la gestione dei contenuti e gli investimenti minori da parte di Facebook.Il mondo arabo è in questa categoria.

In alcuni paesi, i termini di utilizzo della piattaforma non sono nemmeno tradotti nelle loro lingue locali.In Afghanistan, ad esempio, è difficile per i residenti non anglofoni presentare reclami in quanto i termini della piattaforma non sono tradotti nella lingua ufficiale lingue parlate nel paese.


تجيق

È normale per le aziende che investono in mercati diversi diversificare gli importi degli investimenti in ciascun mercato in base ai profitti in esso o alle diverse pressioni del governo, ma il caso di Facebook è unico in quanto la piattaforma ha un grande potere che può essere abusato male e può causare risultati negativi anche inaspettati. Pertanto, è pericoloso lasciare l'azienda per continuare le sue pratiche attuali e trascurare molti mercati, e deve investire ugualmente in qualsiasi mercato in cui decide di entrare. Qual'è la soluzione? Non lo sappiamo, non siamo decisori. Ma per cominciare, sappiamo che l'azienda deve essere ritenuta responsabile dei suoi errori e guardarla con attenzione, piuttosto che aspettare che i membri dall'interno dissentiscano ed espongano le sue cattive pratiche di volta in volta.


Usi Facebook? Cosa ne pensi delle pratiche dell'azienda, soprattutto per quanto riguarda il mondo arabo? E puoi lasciare o sostituire Facebook? Condividi la tua opinione

Risorse:

CABLATA | TheVerge

Articoli correlati