reiboot

Il dipartimento pubblicitario di Apple è cresciuto così tanto che si sta preparando a visualizzare più pubblicità nel suo store e nelle sue applicazioni, ma questo sembra aver sollevato preoccupazioni e preoccupazioni all'interno dell'azienda e, secondo The Information, i dipendenti dell'azienda non sono soddisfatti della grande espansione di pubblicità e alcuni hanno espresso preoccupazione per il fatto che Apple si stia concentrando maggiormente sulla pubblicità e questo danneggerà la reputazione del marchio, il cui obiettivo è sempre stato quello di fornire un'esperienza distinta durante l'utilizzo dell'iPhone e dei suoi altri prodotti.

Non è la prima volta che i dipendenti criticano ciò che Apple sta cercando di fare nel campo della pubblicità, poiché il rapporto ha rivelato che nel 2018 Apple aveva in programma di mostrare annunci agli utenti nella ricerca Spotlight sul sistema operativo iPhone, ma Apple ha deciso di abbandonare l'idea dopo le risposte Un atto interno a comando.


La divisione pubblicitaria di Apple

Secondo un nuovo rapporto, esiste una lista nera di parole che al team pubblicitario di Apple è vietato pronunciare di fronte ai clienti.Invece di utilizzare il termine "algoritmo" per descrivere i suoi metodi per la pubblicazione di annunci, la società consiglia di utilizzare il termine " piattaforma." È severamente vietato utilizzare la parola "acquisizione", che nel campo della pubblicità indica il tentativo di un inserzionista di acquistare annunci che compaiono quando gli utenti cercano marchi concorrenti, per sostituirli con parole come "parole chiave della concorrenza" e "difesa del marchio". .

Mentre tutti i termini tabù sono comunemente usati in tutto il settore pubblicitario, questo non è il caso di Apple perché non è una società pubblicitaria. Ha costruito il proprio marchio attorno a prodotti meticolosamente progettati per offrire un'esperienza utente senza soluzione di continuità con un forte impegno a proteggere la privacy degli utenti.

In risposta a quelle parole proibite, un portavoce di Apple ha dichiarato: "L'azienda vuole che i suoi dipendenti utilizzino un linguaggio appropriato per le sue offerte e termini come" targeting "non possono essere utilizzati perché Apple non consente agli inserzionisti di indirizzare annunci a utenti specifici e una delle politiche dell'azienda è quella di non consentire agli inserzionisti di scegliere come target un gruppo demografico inferiore a 5000 persone per proteggere la loro privacy.


Concorrenza di Google o Facebook

Le fonti indicano che Apple è determinata ad espandersi nella pubblicità e offrirà nuovi posti all'interno del suo negozio per gli annunci oltre a fornire annunci nelle proprie applicazioni. Forse ci sono critiche dovute al tentativo di Apple di espandere la sua attività pubblicitaria all'interno del suo negozio e delle sue applicazioni, ma il rapporto lo indica Nessuna intenzione ora o in futuro Creare una rete pubblicitaria attraverso la quale compete la rete pubblicitaria di Google o Facebook e non aumenterà in modo significativo il numero di annunci in modo da non influire sulla meravigliosa esperienza che offre ai suoi utenti, ma l'obiettivo di Apple è aumentare le sue entrate pubblicitarie a poco di più, e invece di raggiungere i 4 miliardi di dollari ora, l'azienda vuole raggiungere i 10 miliardi di dollari all'anno dalla divisione pubblicitaria.

Cosa ne pensate dell'aumento degli annunci da parte di Apple e li notate nell'App Store, fatecelo sapere nei commenti

Fonte:

theinformation

Articoli correlati